Postura scorretta? Mobilità ma non solo

La Ks International Group è un’azienda leader nel campo ortopedico e fisiatrico. Il Metodo Ks, forte delle più recenti scoperte della Biomeccanica Medica, è stato il primo a dimostrare che gran parte delle contratture muscolari croniche, responsabili dei dolori posturali, derivano da un mal funzionamento di alcune zone della pianta dei piedi”. Sulla base di queste considerazioni, l’intervento terapeutico doveva consistere necessariamente nell’ausilio di presidi che potessero essere ben accettati dall’organismo, capaci di “colloquiare” con i neurosensori della pianta del piede e correggere le informazioni disarmoniche provenienti dalle zone in malfunzione. Per tale motivo, la scelta Ks si è orientata verso lo studio di plantari capaci di sviluppare e mantenere nel tempo una forza elastica e non meccanica per le disfunzioni dell’apparato muscolo-scheletrico.

Spina calcaneare: come curarla?

La spina calcaneare si può verificare sia in soggetti sportivi che sedentari in sovrappeso. Colpisce uomini e donne in percentuali uguali, specialmente in età compresa tra i 40 e i 60 anni. Corrisponde al 10% di tutte le patologie del piede. Non sempre crea problemi perché nel 20% dei casi risulta asintomatica e chi ne soffre neanche se ne accorge. Nei casi più gravi, il dolore diventa talmente acuto da trovare sollievo solo con il riposo a letto. Molto importante è la correzione dei fattori predisponenti e dei difetti posturali mediante un’attenta analisi della postura con l’utilizzo di dispositivi medici plantari, terapie fisiche ed esercizi correttivi. In particolare, i plantari Attivo Ks Medical sono realizzati con materiali ad alto assorbimento di impatto in grado di ridurre considerevolmente i microtraumi della deambulazione e correggere i difetti del piede, eliminando del tutto i sintomi da spina calcaneare.